Change language
Change country

Internet delle Cose

Le imprese fissano obiettivi chiari prima di adottare l'Internet of Thing.
close up of hands using a smartphone

Il ‘Ninja’  della Supply Chain Patrick Strauss fa sempre la stessa domanda quando entra in un’azienda come consulente della supply chain di IInternet delel cose (IoT). La semplice domanda è “perchè si necessita di questa tecnologia IoT?” Non è che non crede nel potere delle tecnologie digitali di trasformare le catene di approvvigionamento. Al contrario, Strauss è appassionato dell’argomento e ha un pensiero "fantasticamente innovativo”. Il fatto è che ogni venditore IoT sta vendendo il proprio marchio e le aziende devono guardare oltre il clamore della vendita per stabilire esattamente ciò che vogliono ottenere. Solo allora sapranno quali tecnologie installare. Ma un numero sorprendente di aziende, molte delle quali note, non riescono a rispondere alla sua domanda sul "perché", afferma Strauss, che è anche docente alla Cranfield University in RFID, IoT e Visibilità della Supply Chain.

Il tedesco Strauss è un veterano del settore. Ha lavorato con BT e IBM per molti anni prima di diventare un consulente indipendente per i principali rivenditori e produttori. È così appassionato della trasformazione digitale che vuole che le aziende lo facciano bene, il che significa un'attenta pianificazione fin dall'inizio. Strauss afferma che la potenza delle tecnologie IoT deriva dalla combinazione di sensori intelligenti e connettività wireless, che consente ai dispositivi non digitali di "comunicare" le informazioni. Un frigorifero vuoto è in grado di ordinare più latte quando le scorte sono scarse. Su una scala più ampia, un magazzino dotato di più sensori RFID può monitorare i propri scaffali. Ma, come sottolinea Strauss, per sfruttare le tecnologie IoT, le aziende devono prima avere in mente obiettivi chiari.

 

"Andare oltre l'IoT: si basa tutto su una miglior esperienza del cliente"

businesswoman looking at tablet

Migliorare il flusso

Un buon esempio di pensiero chiaro, afferma Strauss, è stata la decisione del produttore di ascensori Kone di installare sensori IoT in tutti i suoi prodotti. Kone sapeva esattamente cosa voleva ottenere. Per un'azienda che afferma di essere nel business di "migliorare il flusso della vita urbana", i guasti sono disastrosi per la reputazione di Kone. Ma l'uso dell'IoT per monitorare a distanza le macchine ha ridotto drasticamente le interruzioni. Strauss afferma che Kone ha costruito una bacheca centrale che mostra una mappa globale delle sue migliaia di installazioni. Quando sullo schermo compaiono punti rossi che segnalano i codici di errore, gli operatori possono ingrandire, identificare il colpevole e inviare direttamente gli addetti alla manutenzione. Una risposta rapida impedisce ai passeggeri dei grossi aereopoeti di subire lunghe attese quando il nastro trasportatore o gli ascendori si rompono. 

"In precedenza ci sarebbe stato molto smantellamento di un nastro trasportatore, o un ascensore, per diagnosticare il problema, ma i codici di errore forniscono la risposta. Le macchine possono essere riparate nella metà del tempo, migliorando il servizio clienti, che è sempre l'obiettivo finale. Il ragionamento di Kone era che dovevano installare sensori IoT perché se non avessero compreso il valore dei dati e delle informazioni, i concorrenti come Otis e Schindler lo avrebbero fatto e si sarebbero mossi rapidamente per fornire un servizio migliore ", afferma Strauss.

Allo stesso modo, i produttori di elettrodomestici, come Whirlpool e Miele, posizionano i sensori all'interno di lavatrici, asciugatrici e lavapiatti. I sensori raccolgono i dati sulle prestazioni delle macchine in tempo reale e li trasmettono al produttore. In precedenza, non esisteva una connessione diretta tra il cliente e il produttore. Ma ora quando il produttore riceve un codice di errore, può inviare rapidamente un ingegnere. “Le famiglie erano senza lavatrice per due settimane perché la riparazione richiedeva secoli. Dovevano contattare il negozio, che avrebbe chiamato un ingegnere, quindi si doveva ordinare il pezzo e poi fissare un altro appuntamento con un ingegnere per installarlo. È uno scenario da incubo per una famiglia. Ma con il costante monitoraggio, è possibile diagnosticare i guasti anche prima che la macchina si rompa. È un approccio più proattivo e, ancora una volta, si tratta di una migliore esperienza del cliente ", afferma Strauss.

Commercializzare i dati

John Deere, il produttore di trattori e altre macchine agricole, ha portato il concetto IoT a un altro livello. La società ha installato sensori per monitorare le prestazioni delle macchine sul campo, stabilendo un collegamento diretto tra cliente e produttore. Ma John Deere è andato oltre, combinando i dati con le prestazioni, social media, previsioni meteorologiche e commenti sui social media. La società ha avviato una nuova attività vendendo i dati agli agricoltori. "La vendita di dati commerciali ad acquirenti esterni è una grande parte del futuro per l'IoT", afferma Strauss.

Se l'agricoltura è molto lontana dall'esperienza quotidiana della maggior parte delle persone, Strauss fornisce un altro esempio a cui la maggior parte delle persone può fare riferimento. I supermercati locali hanno spesso macchine del caffè automatiche in cui i clienti prendono la loro dose quotidiano di caffeina. Costa Coffee ha dotato le macchine di sensori che forniscono informazioni di feedback su quando è necessario rifornire o riparare. "Le macchine esistono da anni, ma sono diventate più sofisticate. Ora un rappresentante di vendita riceverà un messaggio su uno smartphone in tempo reale dicendo che è pieno al 10% e ha bisogno di un rifornimento presto. Il rappresentante sa che deve essere lì entro due ore, altrimenti i clienti saranno irritati dalla mancanza del loro caffè quotidiano. Tale intelligenza può essere costruita in modo relativamente semplice dopo l'installazione dei sensori ", afferma Strauss.

Nelle grandi fabbriche, l'IoT ha un potenziale ancora maggiore per creare efficienza. Ci sono alcuni esempi futuristici. Ad esempio, la catena di fornitura DHL utilizza occhiali intelligenti di "vision picking" che forniscono istruzioni per gli ordini ai dipendenti del magazzino. E Amazon utilizza robot con connessione Wi-Fi per valutare quali prodotti devono essere prioritari per gli ordini Prime. Nei suoi anni come Ninja della catena di approvvigionamento, Strauss ha osservato magazzini con operazioni automatizzate allo stesso modo sofisticate, ma ha anche osservato operazioni con "un uomo che corre in giro con appunti e penna".

Sostituire "Bob"

Quest'ultimo scenario è fin troppo comune nel moderno mondo industriale, dice. Le aziende investono milioni in sistemi IT, ma non sanno cosa farne. Al contrario, continuano a utilizzare database rudimentali di produzione propria e si affidano a "Bob", che lavora nel magazzino da 35 anni, per sapere cosa sta succedendo. Bob è la persona più esperta lì, ma tutta la sua comprensione è nella sua testa ed è sospettoso delle nuove tecnologie. Strauss ritiene che questo sia un metodo altamente inefficiente per gestire un magazzino. “E se Bob viene investito da un autobus? Cosa succede quando va in pensione? Idealmente, quando un'azienda installa un sistema di gestione del magazzino, impiega il tempo necessario per estrarre le conoscenze da Bob e da altri come lui. In questo modo, quando Bob 2 inizierà la prossima settimana, a 19 anni, le informazioni pertinenti lo attenderanno su un sistema ", afferma Strauss.

Nel perseguimento di idee chiare e definizione degli obiettivi, Strauss insiste sul fatto che le aziende hanno trascorso molto tempo all'inizio nella pianificazione del loro sistema di gestione del magazzino. Tutti i processi, incluso il modo in cui le merci vengono immagazzinate, raccolte e spedite, richiedono un'attenta valutazione. "Il messaggio chiave è che nessun sistema di gestione è" pronto all'uso ". Tutto è su misura e ogni dettaglio è importante ", afferma Strauss.

Innovazione

Scopri le tendenze che stanno sconvolgendo alcune delle più grandi industrie del mondo grazie alle nuove tecnologie.

  • Il caricabatterie innovativo per veicoli elettrici

    L'industria automobilistica si sta muovendo verso un futuro innovativo mentre il pubblico apre gli occhi sui veicoli elettrici.

  • Il digitale sta ripensando la modalità di business

    Con una rivoluzione digitale arrivano grandi cambiamenti nella pianificazione aziendale.

Cookies e privacy

Utilizziamo i cookie per rendere le interazioni con il nostro sito Web semplici ed efficaci, nello specifico cookie statistici per comprendere meglio come viene utilizzato il nostro sito Web e cookie di marketing per personalizzare la customer experience. È possibile selezionare le preferenze relative ai cookie utilizzando il pulsante "Preferenze" in basso oppure selezionare "Accetto" per continuare con tutti i cookie

Preferenze Cookie

Utilizziamo i cookie per assicurarci che il nostro sito stia lavorando correttamente, Quest'ultimi sono sempre attivi, avete, comunque, la possibilità di bloccarli.

Questi cookie ci consentono di misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito Web.

Questi cookie vengono inseriti solo in caso di consenso. Utilizziamo i cookie di Marketing per seguire il modo in cui fai clic e visiti i nostri siti Web per mostrarti i contenuti in base ai tuoi interessi e per mostrarti pubblicità personalizzata. Attualmente non si accettano questi cookie. Seleziona questa casella se lo desideri.